110 anni di ospitalità esclusiva spazzeranno via i mesi passati

Condividi

La bellezza del Lago di Como in questi giorni è al massimo del suo splendore. Con i colori delle montagne e dei fiori che punteggiano la riviera a far da cornice, l’attesa è solo legata alla riapertura del Grand Hotel Tremezzo, che il 10 luglio celebra 110 anni vissuti all’insegna di un’autentica ospitalità d’altri tempi.

Con Martina Zecca, T SPA Director, abbiamo cercato di capire come riprendere le fila di un’attività che è fatta di confronto quotidiano con l’ospite: “I cambiamenti possono avere un impatto destabilizzante su corpo e mente, eppure un grosso sconvolgimento può anche far nascere stimoli differenti e creare situazioni inaspettate. È necessario accettare questo periodo per quello che è, cercando di approfittare di questa situazione in modo positivo per capire ciò che ci rende realmente felici, e cogliendo l’occasione per stendere un piano d’azione nella maniera più semplice e concreta possibile per quello che saranno i prossimi passi. Tutto ciò ci permetterà di metabolizzare il momento presente e di iniziare a costruire un nuovo futuro.

La gestione del cambiamento necessità grandi risorse, tanto per il singolo individuo che per le strutture più complesse: “Un consiglio ‘life-changer’ è di trovare il tempo per dedicarsi alla meditazione, renderà la vostra mente più lucida e attiverà la vostra consapevolezza. È inoltre fondamentale focalizzarsi solo sulle cose che effettivamente possiamo fare, che possiamo cambiare e che possiamo migliorare, lasciando da parte tutto il resto. È anche il momento in cui è possibile dedicare più tempo ai rapporti con gli amici e familiari. La vita è piena di sorprese e l’unico modo per gestirle è prendere le cose in modo positivo senza farsi spaventare dall’incertezza.

Un approccio che si riterrà valido anche per il Grand Hotel Tremezzo? “La situazione di emergenza che stiamo vivendo impone massima responsabilità e uno scrupoloso rispetto delle regole. Sanificare e igienizzare gli ambienti di lavoro è sempre stato di fondamentale importanza per noi, quindi ciò che andremo a fare, sarà approfondire maggiormente i protocolli già preesistenti, garantendo così una maggiore sicurezza ed un servizio 5 stelle ai nostri ospiti. Per quanto concerne invece i trattamenti, ci focalizzeremo molto su rituali che coinvolgono momenti di mindfulness, meditazione, cristalloterapia, teraupetici nell’ottica di alleggerire il peso dello stress subito in questi mesi passati.

Per trovare la giusta energia in questa bislacca primavera a cosa rivolgersi? “In questo periodo dove le nostre case sono diventati i nostri templi, è importante creare dei rituali di benessere personalizzati in base alle specifiche esigenze di ciascuno. Il consiglio migliore che posso dare è di dedicare quotidianamente un momento esclusivamente a sé stessi, praticando un’attività che ci piace che riesce a darci del benessere, come yoga, pilates, zumba, unendo il tutto a dei trattamenti viso e corpo. L’esercizio fisico rilascia endorfine, stimola la serotonina e ci fa sentire più felici, oltre a farci vedere più in forma, mentre i trattamenti donano puro relax.

Sei alla ricerca di novità sul mondo del turismo e del benessere? Abbonati alla rivista Area Wellness cliccando qui.

Last modified: Maggio 13, 2020

Lascia un commento