Il Salone Papalu di Milano: relax firmato Maletti

Condividi

La passione per la professione è la leva che ha spinto Sabrina Palumbo a fondare il primo salone nel 1999, seguendo le orme di suo padre Nicola, uno dei migliori parrucchieri della città meneghina nel 1973. Un’arte tramandata di padre in figlia che ha dato vita al marchio Salone Papalu che oggi è presente a Milano con due saloni, uno in via Marghera 35 e l’altro in via Soderini 55.

La filosofia che rende il Salone Papalu un’oasi di relax nel deserto caotico della città è fondata sulla continua innovazione delle tecniche che rendono i professionisti costantemente aggiornati sui nuovi trend dell’hair styling, a cui segue un’accurata selezione dei prodotti, scelti per il rispetto dell’ambiente. Infine, una particolare attenzione è rivolta al cliente e alla sua esperienza, che vengono così coccolati dal team esperto dei saloni.

Salone_Papalu_Maletti

Attenzione rivolta anche alla cura degli spazi, arredati con i prodotti firmati Maletti Group, che ha saputo dare un tocco fresco e dinamico all’ambiente grazie alle sue soluzioni senza tempo e in linea con i trend del momento. Nel dettaglio, spiccano un quartetto di poltrone: la Green Hug, disegnata da Giovannoni Design, è una poltrona girevole dal design semplice e pulito, mentre un tocco più originale all’ambiente è offerto dalla poltrona girevole bicolor Eco Fun Chair progettata dal designer Christophe Pillet. Terza ma non meno importante, la Musette Reclinabile progettata dalla designer Elisa Gargan Giovannoni, una poltrona reclinabile e girevole con appoggiatesta regolabile e appoggiapiedi. A chiudere il cerchio, troviamo Lord Wellington, poltrona da lavoro girevole.

Salone_Papalu_Milano

Nella zona lavaggio, il nuovo lavaggio Eden Plus, è un’innovazione nata dalla collaborazione fra Maletti e la professoressa e dermatologa Bianca Maria Piraccini del Dipartimento di Medicina Specialistica,  Diagnostica e Sperimentale (DIMES) dell’Università di Bologna, che permette di realizzare una sauna al capello garantendogli una perfetta detersione. Innanzitutto, il vapore caldo idrata il capello migliorando la salute generale dei capelli e della cute, a cui segue il trattamento con acqua fredda atomizzata che evita la secchezza del capello penetrando all’interno del fusto e migliora l’aspetto estetico dei capelli, rendendoli più belli e lucenti. A fare da sfondo, il retrolavaggio Café Momus progettato da Elisa Gargan Giovannoni, mobile con diverse sezioni e scompartimenti per appoggiare tutto il materiale necessario al lavaggio.

Sei alla ricerca di novità sul mondo del turismo e del benessere? Abbonati alla rivista Area Wellness cliccando qui.

Last modified: Maggio 21, 2019

Lascia un commento