Gnollhof: in equilibrio sulle Alpi

Condividi

Dal 1888 il Gnollhof si propone come meta d’elezione dei bon vivant che desiderano immergersi nella purezza della natura. Con 54, fra camere e Suite super-panoramiche, gli ospiti possono dedicarsi alle attività nella natura e rilassarsi in aree benessere circondate solo ed esclusivamente da boschi e da tinte verdi che non si perdono mai d’occhio. Adagiata su un poggio panoramico che domina la valle d’Isarco, la struttura a quattro stelle garantisce un’esperienza immersiva nel bosco, fatta di profumo di resina, silenzio assoluto, cucina tirolese d’eccellenza accompagnata dai vini della propria tenuta Taschlerhof e, ovviamente, una buona dose di relax.

Coccolati dalle attenzioni dei proprietari, Margit e Peter Verginer, albergatori appassionati, attenti ma mai invadenti, si ha la possibilità di isolarsi dal turismo di massa, dalle folle e concedersi alla terapia segreta degli alberi. Facilmente raggiungibile, all’uscita di Chiusa dell’A22 del Brennero si svolta immediatamente a destra per Gudon, un paesino di 500 abitanti a una manciata di chilometri da Chiusa, uno dei borghi più belli d’Italia. Inerpicandosi per 5 chilometri tra boschi e prati, si sbuca in una radura in mezzo ai larici, ai pini, agli abeti secolari che ospita il Gnollhof.

Tutte le stanze dell’albergo, rigorosamente vista bosco, sono arredate in modo essenziale con materiali naturali e selezionati da produttori strettamente locali. L’interior contemporaneo dall’ampio respiro e le vetrate a tutt’altezza si combinano perfettamente con la conciliante vista sugli esterni. In questo contesto, sono perfettamente integrate le terrazze e gli infiniti spazi relax, le piscine riscaldate, di cui una panoramica esterna a sfioro, la sauna panoramica e alle erbe, il Vitarium, un bagno turco classico e bagno turco salino. Nella Spa la freschezza delle erbe alpine dell’Alto Adige si palesa in rilassanti massaggi e trattamenti corpo-viso firmati Pharmos Natur Green Luxury, linea vegana di cosmetici 100% naturali formulati sulla base di succo originale e biologico di aloe vera, che sostituisce l’acqua come eccipiente. Durante ogni trattamento eseguito con i prodotti Pharmos Natur viene utilizzata una foglia fresca di Aloe Vera, spalmata direttamente sulla pelle, permettendo all’estratto di penetrare in profondità, rilasciando preziosi principi attivi.

Per gli ospiti che amano il tennis, l’albergo non potrebbe proporre uno scenario più suggestivo del campo in terra rossa, che vede come unici spettatori gli abeti rossi del bosco che circondando il campo e regalano ombra nei soleggiati pomeriggi, rilasciando nell’aria il tipico profumo resinato: racchette e palline fanno parte del ricco pacchetto di servizi inclusi dall’albergo. Infine, è il turno della cucina, luogo in cui prende vita l’armonia dei contrasti, fra la genuinità del maso e il gusto della tradizione.

Particolare attenzione va alla raffinata cantina a vista con una personale selezione di vini, dove non possono mancare all’appello le bottiglie di Peter Wachtler, proprietario e viticoltore del Taschlerhof: a 530 metri sul livello del mare, nella ventilata conca di Bressanone, i vigneti godono dei benefici raggi del sole e i caratteristici terreni montuosi di ardesia conferiscono a questi vini una tipica mineralità.

Sei alla ricerca di novità sul mondo del turismo e del benessere? Abbonati alla rivista Area Wellness cliccando qui.

Last modified: Aprile 29, 2021

Lascia un commento