Una tecnica esclusiva per ritrovare l’equilibrio e l’autoguarigione del corpo

Mantana è un piccolo paese in Alto Adige, a due passi da Brunico, dove le poche case, non più di una ventina, sono circondate dai boschi di larici e di abeti rossi che ricoprono le montagne. Un luogo fuori dal mondo, ma raggiungibile in modo pratico e veloce, su una strada che corre pianeggiante tra i prati e lungo il torrente. All‘Hotel Lanerhof, che da decenni ospita coloro che si vogliono immergere nel silenzio e nella natura alpina, l’atmosfera è allo stesso modo ovattata, con una vocazione da sempre tesa il benessere, rinnovata ogni anno con nuove proposte, in modo che gli ospiti percepiscano la sensazione forte di quel benessere in grado di avvolgere non solo il corpo ma anche spirito e mente.

Novità per questa stagione è il BOWTECH, la tecnica originaria di Tom Bowen per riequilibare corpo, mente e spirito: stimola l’autoguarigione e rinnova il benessere. Il Lanerhof è l’unico hotel in tutta la zona a offrire questi trattamenti: Cristina Nisticò, laureata in scienze olistiche, dopo anni di esperienza in Germania come operatrice olistica, ha conseguito il diploma di operatrice Bowtech per poter effettuare i trattamenti nella spa dell’hotel Lanerhof e aiutare gli ospiti a trovare l’equilibrio psicofisico grazie a questa tecnica che va ben oltre il semplice massaggio. Il Bowtech è stato immaginato per ritrovare la vitalità, aiutare in modo naturale a stimolare il sistema immunitario dando agli ospiti la possibilità di prendersi cura di sé in un piacevole contesto di wellness, coccole, relax e attività per recuperare le energie.

I movimenti effettuati sul corpo generano infatti una risposta sul sistema nervoso periferico che innesca la guarigione: il movimento Bowtech si effettua attorno a muscoli o tendini; il corpo si rilassa e il tessuto connettivo diventa più morbido. Il trattamento comprende delle manipolazioni digitali molto leggere secondo una sequenza prestabilita, ciascuna applicata su punti chiave dei muscoli e dei legamenti tendinei. Si tratta di pressioni digitali non invasive e delicatissime, con pause minime di due minuti tra un movimento e l‘altro. Questo consente un miglior afflusso di sangue e linfa all’interno del tessuto stesso, in modo da eliminare più facilmente le tossine accumulate. Il metodo stimola sia la circolazione sia il drenaggio linfatico e venoso, favorisce l’assimilazione dei fattori nutritivi, aumenta la mobilità delle giunture e migliora la postura. La tecnica inoltre si è rivelata utile anche nelle fasi acute dei vari disturbi, grazie alla delicatezza della pressione utilizzata.

Nella rilassante cornice della SPA del Lanerhof, le terapiste sono a disposizione per una consulenza olistica gratuita: in particolare Cristina Nisticò può approfondire con gli ospiti le loro necessità, consigliando a ciascuno i trattamenti più indicati per ritrovare il benessere e l‘equilibrio. Le proposte della spa sono modulabili ad personam, scegliendo anche gli oli essenziali da abbinare ai vari massaggi. Tra i vari pacchetti per l’estate che comprendono la tecnica Bowtech (che si può comunque provare anche come trattamento singolo) c’è quello che prepara il corpo a ricevere il trattamento, grazie a un impacco snellente o decontratturante e ad un trattamento viso purificante.  

Sei alla ricerca di novità sul mondo del turismo e del benessere? Abbonati alla rivista Area Wellness cliccando qui.

Last modified: Luglio 2, 2021

Lascia un commento